Betancuria

4 marzo 2014 0 Di davide

Rannicchiata sulle montagne, Betancuria porta il nome del condottiero normanno Jean de Béthencourt che nel secolo vi fece costruire una fortezza destinata a contrastare gli attacchi dei pirati. Oggi monumento nazionale, questo forte custodisce alcune vestigia interessanti.


Nelle vicinanze, il Museo archeologico custodisce oggetti appartenuti ai Guanci. La chiesa di Santa Maria, con il soffitto a travi magnificamente decorate e l’altare maggiore in legno dorato del XVII secolo, è un vero gioiello architettonico. Un tempo capoluogo dell’arcipelago, Betancuria fu annessa ai possedimenti della corona di Castiglia nel 1405. Nella cattedrale di Santa Maria de Betancuria, distrutta dai pirati nel 1539, si radunavano in assemblea i signori di Fuerteventura: le sue mura esterne recavano le insegne della famiglia regnante dell’isola, i Saavedra e, ancora oggi, la chiesa custodisce il vessillo dei Béthencourt.