Parco nazionale di Timanfaya

4 marzo 2014 0 Di davide

Il Parco nazionale di Timanfaya è un sito incontaminato di origine vulcanica comparso sulla superficie terrestre nel 1730, quando una serie di eruzioni sconvolse la parte meridionale di Lanzarote.

Ci vollero 6 anni perchè le ire della terra si placassero dopo aver distrutto 50 villaggi e aver modificato l’aspetto di 200 Km2

Il parco occupa un area di 51,07 Km2, al centro della quale si trovano le Montañas del Fuego (montagne di fuoco), sotto di loro, a pochi km di profondità una camera magmatica riscalda il sottosuolo. Alcuni esperimenti condotti a pochi metri sotto la superfice, hanno misurato temperature tra i 100° e 600° C. Il Restaurant del Diablo (aperto tutti i giorni dalle 12.00 alle 16.30), sfrutta questa energia per alimentare i suoi barbecue.

Il parco è aperto dalle 9 alle 17.45 (fino alle 19.00 in estate fino al 30 settembre), si visita circa in 2 ore, (9 € gli adulti, 4.50 € i bambini dai 7 ai 12 anni), il biglietto comprende anche l’escursione in autobus, attraverso la Ruta de los Volcánes, 14 km che si snodano in un irreale paesaggio vulcanico (partenze ogni ora, ultima alle ore 17), si consiglia di arrivare presto per evitare interminabili code.

Degni di nota sono: Il simbolo del parco (la statua “El Diablo”), il punto panoramico sull’Islote de Hilario e l’edificio del Il Restaurant del Diablo tutti progetti dell’artista César Manrique.

Non dimenticate una sosta al centro visitatori Mancha Blanca con una mostra sul parco e eruzioni vulcaniche simulate.